logo
3 motivi per cui la gente ignora la posta elettronica
17/11/2014
Enzo Volpi
0 comments

Se cerchi consigli per evitare “errori di posta elettronica aziendale” e per capire perchè la gente ignora la posta elettronica troverai infinite risposte, ma tutti dicono le stesse cose:

– Includere un nome nella tua e-mail
– Evitare l’uso di gergo aziendale
– Non dimenticare di includere un saluto
– Non dire “a chi può interessare”
– Assicurarsi di modificare la riga dell’oggetto
– Controlla l’ortografia
– Evitare le emoticon

E l’elenco potrebbe continuare. Ma tutti questi suggerimenti per capire perchè la gente ignora la posta elettronica sono di buon senso; se sei un professionista di oggi non è sufficiente; devi guardare anche quali sono gli errori non evidenti che impediscono alle vostre email di generare una risposta

Ecco 3 motivi per cui la gente ignora la posta elettronica

Errore 1: L’oggetto si concentra sull’obiettivo sbagliato.

Non è un segreto che un oggetto efficace è necessario per ottenere l’aperura dell’e-mail. Ma quando si scrivi l’oggetto, devi pensare al tuo obiettivo finale vero.

L’obiettivo di ogni email che invii dovrebbe essere semplicemente di ottenere una risposta. Non dovrebbe essere la chiusura di un accordo, finalizzare una partnership, o l’assunzione di un candidato. Fino a quando è possibile ottenere una risposta alla tua e-mail, fino a quando ci può veramente mettere in contatto con il destinatario, sei vicino al tuo obiettivo.

Qui ci sono alcune righe di oggetto di esempio che ti proponiamo:

[Nome], domanda veloce per voi.
Idee per [cosa che è importante per loro].
Domanda sul [evento recente].
Domanda su [un obiettivo che hanno].
Avete preso in considerazione [pensiero/consiglio]?

Scopri come capire se l’oggetto che hai scelto è quello giusto!

Errore 2: Stai inviando la tua e-mail nel momento sbagliato.

La maggior parte dei messaggi di posta elettronica aziendali vengono inviati durante le ore lavorative. Ma i recenti dati del 2014 mostrano qualcosa di un po’ sorprendente.

Sembra che i giorni peggiori per i tassi di apertura siano Lunedi e Martedì. Tuttavia, il tasso di apertura aumenta gradualmente nel corso della settimana e poi picchi di Sabato e Domenica.

Ora, non stiamo dicendo che si dovrebbe inviare tutte le email durante il fine settimana. Ma ci dovrebbe essere un certo equilibrio.

Errore 3: Stai inviando la tua e-mail con un mittente sbagliato.

Mentre molti messaggi di posta elettronica one-to-one provengono da un indirizzo individuale, per inviare e-mail ad un database più grande puoi utilizzare un provider di servizi email. Il nome nel campo “Da” del mittente dell’e-mail può avere un enorme impatto sui tuoi tassi di apertura complessivi. C’è stata una serie di studi che mostrano l’invio di e-mail da una persona reale aumenta sia i tassi di apertura che di click.

Non utilizzare mai un mittente  “noreply@…..com.”

Non perderti LE 10 REGOLE DA SEGUIRE NELL’EMAIL MARKETING, leggi i semplici passaggi da seguire per avre successo con le tue email qui.

About the author

Marketer, autore e formatore. Aiuto le aziende a migliorare i profitti e accrescere i ricavi attraverso sistemi di marketing automatico e sistemi di vendita pronti. Sono in cammino con te verso il successo.

Enzo Volpi
Lascia un commento
Commenti utenti...

Potrebbero interessarti anche
Immagine anteprima post
Immagine anteprima post
27/05/2016
Enzo Volpi
0 comments
Intrattieni ed emoziona i tuoi clienti Con la giusta strategia di marketing e comunicazione